Il racconto

C’è un punto di intersezione dove gli eventi non solo si attraversano, ma si compiono. È lo scarto temporale in cui il pulviscolo della quotidianità, sedimentando, diventa storia.

Il racconto

C’è un punto di intersezione dove gli eventi non solo si attraversano, ma si compiono. È lo scarto temporale in cui il pulviscolo della quotidianità, sedimentando, diventa storia.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Questa, di storia, racconta di quattro generazioni di Calitro, ed è iscritta nella silhouette di una bottiglia di Negroamaro, o di Primitivo. Di certo piacerebbe al colonnello Aureliano Buendia anche se non parla di militari né di rivoluzioni. Parla invece di terra, di vino, delle fragili architetture temporanee che illuminano le feste di paese. E certamente parla d’amore e di sangue. Non la tireremo per le lunghe. Ma per ascoltarla davvero bisogna mettersi seduti, prestare orecchio e magari sorseggiare lenti un bicchiere del nostro rosso, di modo che possa svelarsi fino in fondo.

La terra e la festa

Fra dilemmi onomastici e faccende terragne è trascorso il tempo e si sono avvicendate le generazioni, passandosi il testimone nella ...
Leggi Tutto

La rinascita

A 87 anni, nonno Ciccillo ha riunito la famiglia: “Io non ce la faccio più, o si vendono o decidete ...
Leggi Tutto

La vendemmia

L’altra festa era quella del vino, al tempo della vendemmia. Si faceva il vino per la famiglia, e quel tanto ...
Leggi Tutto

© 2018. Vigneti Calitro di Lonoce Francesco – Strada Specchia Tarantina 21c – 74015 – Martina Franca (TA) P.iva 02978750731
Privacy – Realizzazione sito web: YourMarketing

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi